Calcio mercato Toro: Simone Edera

Il Torino attualmente blinda Simone Edera, il talento del giocatore attaccante granata prevede la sua permanenza a Torino nel periodo di calcio mercato di gennaio.

Il Mercato del Calcio del Toro a gennaio

Il mese di gennaio garantisce la permanenza dell’attaccante granata in casa, sebbene le richieste per accaparrarsi Edera siano molte sia per quanto riguarda il prestito ma non solo. La panoramica delle richieste è la seguente:

Dalla Serie A:

  • Crotone
  • Cagliari
  • Verona
  • Benevento

Dalla Serie B:

  • Avellino
  • Frosinone

Tutte proposte che a gennaio restano congelate, infatti Cairo stima enormemente il giocatore, stesso discorso vale per la tifoseria granata. Anche il diesse granata Petrachi riconosce che il ragazzo può essere estremamente utile al Torino.

A tutti costoro si aggiunge anche lo stesso Mazzarri che se ne sta convincendo nell’attuale fase di analisi del campionato fin qui, nonostante Edera sia infortunato alla caviglia che lo costringe a terapie e lavori differenziati, ma questa è appunto una fase.

Attualmente quindi e in conseguenza di tutte queste motivazione, non si prevede ne un prestito ne una cessione del ragazzo al fine di potersi esprimere su scelte definitive, si sa, occorre attendere la fine del calciomercato. Ma come detto al momento la strada di Simone Edera è quella della permanenza al Torino.

Un accenno relativo al calcio mercato va fatto anche per quanto riguarda Vitalie Damascan, il neo acquisto del Torino, che è il secondo giocatore della Moldavia a militare in Serie A.

Un accenno di Storia

Il Paese dal quale proviene Damascan è ricco di instabilità, per il fatto che storicamente si situa nella contesa tra Ottomani e URSS in un tempo, e Romania e Russia successivamente, si comprende che vi sia da secoli un instabilità politica su quel territorio, che non rientra nella UE nonostante si trovi nei confini territoriali non giurisdizionali del territorio europeo.

Due fattori sono quelli attuali per quanto riguarda la Moldavia, uno è quello del PIL economico, l’altro quello relativo all’indice di sviluppo umano, entrambi i fattori registrano il livello più basso di Europa, anche se il trend dell’ultimo decennio è incoraggiante.

In questo scenario si comprende che tali questioni possano anche ricadere sui calciatori moldavi che si sono affermati nei migliori campionati d’Europa, anche per fuggire da questa situazione.